TRIESTE SOUNDSCAPE PROJECT – WORKSHOP IN ECOLOGIA ACUSTICA
AIPS; Francesco Giannico; Alessio Ballerini; Nicola Di Croce

Il Paesaggio Sonoro è un bene culturale invisibile in continua evoluzione. Secondo Murray Schafer, i suoni dellʼambiente fin dai primordi della storia dellʼuomo non costituiscono soltanto unʼidentità culturale e sociale, ma possiedono delle valenze di natura cosmica. Partendo da questo presupposto il workshop mira alla creazione di un gruppo di lavoro che realizzerà, tramite la pratica delle “soundwalks” (passeggiate sonore) e con registratore digitale alla mano, una mappatura sonora della città, e delle “città” che essa contemporaneamente esprime. Gli iscritti al workshop saranno guidati in un tour cittadino dove, muniti di registratore digitale, campioneranno il paesaggio sonoro del territorio oggetto di studio ed impareranno ad ascoltarne i dettagli, a metterli in relazione al contesto di origine: sveleranno le trame che legano ogni suono al suo territorio fisico e culturale.

DOCENTI

Archivio Italiano Paesaggi Sonori è un collettivo nazionale di soundscapers italiani nato nel 2010 e costituitosi associazione nel dicembre 2013. Lʼintento del gruppo è quello di promuovere la cultura dei paesaggi sonori e i soundscapers italiani, performers/musicisti che si cimentano in live electronics e creano installazioni artistiche audiovisive connesse al concetto di soundscape composition. Sito web:www.archivioitalianopaesaggisonori.it

Francesco Giannico Laureato in Musicologia con una tesi in Storia della Musica per Film, specializzatosi presso l’Università di Lecce in Design e Nuovi Media e successivamente in Sound Design, è un musicista elettroacustico e videoartista. Negli ultimi anni ha focalizzato la sua attenzione sul concetto di paesaggio sonoro dando vita nel 2008 al Laboratorio di Ecologia del Suono nella città di Taranto per mezzo del quale realizza il progetto di soundscaping “Taranto Sonora”. E’ cofondatore assieme ad Alessio Ballerini del Network AIPS Archivio Italiano del Paesaggio Sonoro. Tra i suoi lavori “Urban Sounds from the Factory City” un’installazione audio/video in collaborazione con la performer Amy Denio basata sul riprocessamento dei campioni audio dell’Ilva di Taranto, il noto colosso industriale, ottenuti grazie ad un software che trasforma il codice binario di immagini jpeg prelevate da google earth in campioni audio indefiniti.

Alessio Ballerini Sound e multimedia artist, usa computer e periferiche esterne per creare suoni sperimentali ed elettroacustici, minimali e multistratificati. Esplora paesaggi reali e immaginari utilizzando field recordings, chitarra, piano e composizioni digitali, dove il suono trova la sua bellezza negli armonici ambient del substrato. Eʼ stato membro del collettivo cinematografico Postodellefragole dal 2004. Fonda nel 2010 AIPS – Archivio Italiano Paesaggi Sonori – assieme ad altri soundscapers italiani. Ha collaborato e diviso il palco con Alva Noto, Lawrence English, Oval, Retina, Enrico Coniglio, Senking, Erik Skodvin, Giuseppe Cordaro, Francesco Giannico, TU M’, Pietro Rparbelli.

Nicola di Croce è un musicista, architetto e ricercatore con base a Venezia. Il suo principale interesse di ricerca parte dal rapporto tra suono e territorio. La pratica dell’ascolto e della registrazione ambientale portano insieme ad una nuova percezione del contesto urbano e rurale, dove il linguaggio sonoro diventa un veicolo narrativo e progettuale: frammenti da rieditare come strumenti essenziali per la comprensione e la ridefinizione dello spazio circostante. Ha pubblicato diversi album acustici ed elettronici collaborando con un gran numero di musicisti, ha composto le musiche per svariati cortometraggi, installazioni e produzioni multimediali e lavorato per prestigiose istituzioni culturali come la Biennale di Venezia. È attualmente dottorando di ricerca in Pianificazione Territoriale presso lo IUAV, portando avanti una ricerca sulla cultura orale nelle aree marginali italiane. Si è laureato in architettura a Ferrara, ha collaborato in Cina con l’International Laboratory of Architecture and Urban Design (ILA&UD) e lavorato come architetto e urbanista a Roma e Berlino.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

1. Presentazione Gruppo di Lavoro
2. Introduzione al Paesaggio Sonoro
3. Tecniche basilari di registrazione digitale
4. Soundwalks
5. I Formati audio, Il posizionamento dei Microfoni , un esempio economico e popolare di registratore digitale: “Lo zoom”
6. Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora
7. Le Soundwalks
8. Ascolti dedicati, riduzionismo e sintesi del paesaggio sonoro, macrovisione dell’ascolto/ascolto d’insieme: piccoli suoni, piccoli spazi, grandi suoni, grandi spazi

A CHI E’ RIVOLTO

Il Workshop è rivolto a tutti , non è necessario avere competenze specifiche in ambito musicale, lo scopo del workshop è quello di avvicinare le persone al tema del paesaggio sonoro e nello specifico evidenziare i mutamenti in atto nella città tenendo presente che il paesaggio sonoro è un bene culturale invisibile in continuo cambiamento.

NUMERO PARTECIPANTI

10 min – 30 max

LOCATION

Trieste, Piazza Cavana, Knulp

GIORNI

2 gg; 3-4 giugno

MAGGIORI INFORMAZIONI

www.archivioitalianopaesaggisonori.it

NOTE

A seguito del workshop vi sarà la creazione di un evento performativo realizzato con la partecipazione degli iscritti utilizzando il materiale raccolto nelle soundwalk. Verrà realizzata una performance live collettiva sotto la guida del docente, verrà di fatto costituito un piccolo ensemble improvvisativo che munito di laptop e con un codicillo concordato preventivamente col docente ed i compagni di corso si esibirà in una improvvisazione “controllata”.

COSTO
80 €

MODALITA’ D’ISCRIZIONE

Le iscrizioni ai workshop a pagamento chiudono il 18 maggio.
Per iscriversi è necessario effettuare un bonifico bancario versando l’intera quota del workshop. Successivamente inviare una mail a info@invisiblecities.eu indicando: nome, cognome, titolo del workshop e allegare copia del bonifico bancario.

ASSOCIAZIONE QUARANTASETTEZEROQUATTRO
Unicredit Banca, Agenzia Gorizia Corso Italia
IBAN: IT 86 V 02008 12400 000101174360
OGGETTO: Quota workshop Invisible Cities