was successfully added to your cart.

Carrello

Tag

giannico Archivi - Francesco Giannico

Agoraphonia – World Listening Day 2016

By | Discography, News

agora - cover

Agoraphonia World Listening Day 2016

World Listening Day 2016 / AGORAPHONIA / Francesco Giannico & Giulio Aldinucci – 18 Jul 2016

** available on https://dronarivm.bandcamp.com/album/agoraphonia**

To celebrate the listening practices of the world and the ecology of its acoustic environments Dronarivm is pleased to announce the release AGORAPHONIA

Agoraphonia is a project created by musicians Francesco Giannico and Guilio Aldinucci, together with the label Dronarivm. After a big web call for people to send them recordings made in public squares, finally they will release an
album made using these unique audio recordings becouse a town square is an open public space commonly found in the heart of a traditional town and used for community gatherings. Based on this basic perspective, it is easy to notice how the soundscape of this living center could represent not only
sonically, but also from a cultural point of view, a priceless document.

Thanks to audio contributors:
Gianmarco del re | Andrea Ricci | Nobodisoundz | in Piazza V.Emanuele, Valloria, Italy | Fabio R.Lattuca | Paolo Monti | João Mascaro | Luca Bonaccorsi | Roberto Galati/Federico Mosconi | Emile Milgrim | Sound Awakener | Michel Rigati | BlancaRego | Betta Porro & Max Jurcev | Ana Maria Romano G. in Plaza de Mayo | Paolo Besagno | Davide Di Francesco |
Giuseppe Cantelmo | Michel Rigati

Thanks to photo contributors:
Dimitris Kolyris | Emilia Yanakiev | Giuseppe Trotta | Lyudmil Yanakiev | Ted Martin Consoli | Ava Vessileva | Philippe Neau

http://dronarivm.com/
http://www.agoraphonia.com/
http://www.francescogiannico.com/
http://www.giulioaldinucci.com/

Spring Attitude Festival 2016

By | News

20.1.2016 – EX CASERMA via Guido Reni, Roma

Sound&Communities è una performance audiovisiva collaborativa coordinata dal musicista Francesco Giannico con il coinvolgimento attivo degli studenti della Rome University Of FineArts ­ RUFA  che per l’occasione formeranno un mini ensemble improvvisativo con lo scopo di riprocessare in tempo reale una serie di field recordings raccolti nell quartiere pinciano di Roma.

Agli studenti, suddivisi in 4 gruppi, sono stati assegnati differenti categorie di suono su cui lavorare: keynote, soundmarks, sound signals e human relationship.

Durante la performance verranno coordinati attraverso un codice prestabilito in un’improvvisazione controllata attraverso un continuo interplay tra tutor e studenti si tenterà di restituire una personalissima interpretazione del paesaggio sonoro del quartiere.

Grazie al supporto di Lem International in qualità di partner tecnico la performance verrà suonata oltre che fruita attraverso  n.50 Cuffie WiFi SILENTSYSTEM. I visitatori potranno così decidere di ascoltare una porzione più o meno lunga dell’esibizione o di passare ad un certo punto le cuffie ad un loro amico.

 

Spring Attitude Festival 2016 - Francesco Giannico & Students Rufa

Spring Attitude Festival 2016 – Francesco Giannico & Students Rufa

Hi&Low Soundscapes – Workshop

By | News

Festina Hi&Low Soundscapes (Summer sunset)

Festina Lente con il musicologo e musicista elettroacustico Francesco Giannico, fondatore di AIPS, presenta il workshop “Hi&Low” (dal paesaggio sonoro a bassa ad alta fedeltà) per il 7 settembre 2015. La partecipazione è gratuita ed i posti disponibili sono 5, gli interessati non si attardino.
What > Linee guida del workshop
Tramite la pratica delle soundwalk, il ws vuole porre al centro la trasformazione acustica che ha accompagnato e accompagna città e campagne limitrofe. Una trasformazione meno netta di un tempo eppur presente con caratteristiche inedite.
Gli iscritti apprenderanno: tecniche di registrazione digitale, concetti di soundscape composition e lavoreranno all’editing dei campioni audio raccolti e che verranno da loro utilizzati all’interno della performance live serale presso Easy Living.
Tra gli argomenti trattati:
Introduzione al paesaggio sonoro
Tecniche basiliari di registrazione digitale
Le mappe sonore
Soundwalk
Formati audio, posizionamento, lo zoom H4
Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora
Verranno messi online l’intero progetto e la relativa mappatura sonora assieme ai credits per i partecipanti.
Info ed iscrizioni: la.festina@gmail.com
Where > San Niccolò e collina limitrofa
In campagna ed in città, ossia nel rione di San Niccolò e nella collina che da piazza Poggi sale verso il piazzale e prosegue fino all’aperta campagna. Negli ultimi anni il divario percettivo tra paesaggio sonoro lo-fi ed hi-fi si è ampliato notevolmente mettendo in discussione le peculiarità stesse dei territori di riferimento. Firenze, come altre città, è andata incontro ad una banalizzazione estrema del paesaggio sonoro a differenza della campagna, che tuttavia non è rimasta esente da trasformazioni. La neo-antropizzazione delle campagne ha popolato di nuovi suoni territori generalmente molto placidi.
Guide eccezionali della soundwalk, i residenti storici del quartiere attivi nel Centro di documentazione di San Niccolò.
 
When  > 7 settembre, non a caso la Rificolona
Nessuna festa fiorentina è più intrisa del rapporto tra città e contado come quella della Rificolona.
Da tempo immemorabile, il 7 settembre sera, vigilia della nascita di Maria (e prima dell’era cristiana festa di Demetra, dea dei campi, dei raccolti e dell’agricoltura) i contadini scendevano a Firenze dalle campagne in pellegrinaggio alla SS. Annunziata, onorando nella vergine madre di Dio, la fertilità della terra insieme a ogni donna che nasce e fa nascere e ai bambini come frutti. Si avviavano prima dell’imbrunire e col sopraggiungere della notte ciascuno accendeva la sua fiaccola, candela o lucerna. Giunti in piazza passavano la notte nella chiesa e nei chiostri della SS.Annunziata, sotto i loggiati, cantando, pregando, suonando e ballando. Il giorno dopo, 8 settembre, oltre alla festa religiosa in basilica, le famiglie contadine animavano una fiera dove si vendevano le cose fatte in casa, i filati e i panni tessuti a mano, i funghi seccati sull’aia, il pane cotto nel forno a legna e gli altri prodotti dei boschi e dei poderi. In questo modo veniva onorata la campagna nel centro della città di Firenze.
I fiorentini non persero occasione per ridicolizzare i contadini: le contadine che vendevano alla Fiera venivano chiamate “Fierucolone”, cioè donne buffe senza grazia in una fiera che non valeva niente (Fierucola). Le fiaccole che scendevano dalle campagne la notte del 7 settembre venivano scimmiottate dai cittadini con lampioncini di carta a forma di gonne contadine, chiamati “Rificolone” sempre per prendere in giro i costumi delle donne di campagna che non si volevano sottomettere alle mode “coi fiocchi” della città. Questo è il senso del ritornello “Ona, ona, ona! Quant’è bella la Rificolona! La mia l’è con i fiocchi! La tua l’è coi pidocchi!” Eppure non mancavano i pidocchi fra i fiocchi della città! I contadini stettero al gioco per secoli, ribattendo con arguzia e poesie improvvisate di cui erano maestri.
Agli inizi del 1800, per un incidente in cui un cocchiere fu ucciso da uno studente la festa fu pubblicamente abolita dal Granduca per molti anni. Ma a quell’epoca iniziava l’industrializzazione e i contadini cominciavano a prendere sul serio le prese in giro dei fiorentini vergognandosi di quello che erano. Anche i cittadini divennero più caustici supponendo di poter sostituire nella loro economia i contadini con gli operai delle fabbriche e i campi vicini con quelli dei paesi lontani che producevano di più e costavano meno. Fu allora che il significato profondo della festa della Rificolona per Firenze sparì e invece di festeggiare, con la nascita di Maria, la nascita di ogni donna e la terra, i fiorentini cominciarono ad andare in giro come dei bischeri festeggiando soltanto dei lampioncini di carta.
Who > Il docente 
Francesco Giannico (Taranto 1979) è musicologo, musicista elettroacustico e webdesigner. “Un’attenzione quasi maniacale a ciò che è “paesaggio sonoro” (studiato, reinterpretato, stravolto); un lungo elenco di collaborazioni con campioni della sperimentazione italiana e mondiale (a partire da Bruno Dorella ed Amy Denio); l’attenzione e i lusinghieri riconoscimenti datigli da un gigante come Thurston Moore dei Sonic Youth”(presentazione de Robot Festival 2013 – Bologna). Laureato in musicologia presso l’Università degli Studi di Lecce con una tesi in Storia della Musica per Film e successivamente specializzatosi in Design e New Media e Progettazione Culturale. Nel 2010 fonda AIPS, l’archivio italiano dei paesaggi sonori con A.Ballerini con cui da vita 3 anni dopo all’etichetta indipendente Oak Editions.
Ha pubblicato i suoi dischi con svariate label e collaborato con numerosi artisti come: Matteo Uggeri, Luca Mauri, Bruno Dorella, Amy Denio, Kim Cascone, Thollem McDonas, Zac Nelson, Stefan Bonitatibus , Ben Chatwin, Mary Levykina, Anna Aleksandra Waliszewska. Fabio Orsi , Alessio Ballerini, Nicola Di Croce, Giulio Aldinucci.
Evento nel calendario EF2015, con il contributo del Comune di Firenze.

Unknown Tone Records | Litania

By | News

Litania  | Compact Disc (CD)
Compact Disc // including 2 Double-sided 6 panel inserts. Featuring the stunning photography of Francesco Giannico // also includes credits printed on vellum // 100 limited edition copies shipping worldwide.

Includes immediate download of 9-track album in the high-quality format of your choice (MP3, FLAC, and more), plus unlimited streaming via the free Bandcamp app.
ships out within 5 days
edition of 100

credits

releases 30 June 2014
All music composed by Francesco Giannico

for my son and my father – thanks E.M.Photography by Francesco Giannico

Coffee Stains on Vellum – Jeff Hogue
Layout and Design – Mark Kuykendall

‘Luminance’ | Francesco Giannico’s New Release for Somehow Recordings

By | News

 

Luminance is the new album of Francesco Giannico released for Somehow Recordings.

“The memory element is always present in the music of Francesco Giannico. A type of memory that feeds on field recordings, sometimes piano parts, sometimes gentle pads and cinematic atmospheres. A sense of spirituality and melancholy at the same time fulfilling that is reverberated and extended thanks to the videoart works that Francesco Giannico Giannico himself produces.” 

The same title “Luminance” means like Cohen used to say that There is a crack in everything That’s how the light gets in.

buy it on http://www.somehowrecordings.co.uk/

buy it in digital format

Further‘ below is one of the tracks contained….
Francesco Giannico’s ‘Luminance’ is an elegant album. How it luxuriously incorporates elements of the classical with a glossy sheen is quite impressive. At times it sounds akin to Max Richter put through digital synthesis. The result is extraordinarily calming. With this digital sound (and it is quite electronic) there’s a sense of true organic wonder. ‘Luminance’ achieves this human effect by carefully filtering field recordings, guitar plucks, and other reminders that there is a world outside of it.
                The album begins with ‘Further’ which sets the tone for the album as a mellow, dreamy pillow of a song. ‘Lacks soul’ is an ironic name considering how deep in the center of it is a moving piano piece clouded by so much processing. Part of the joy of the song is how Francesco appears to peel away those digital layers revealing its true heart. On ‘Things we can not get’ things take a different approach. Field recordings are effectively employed on this track, the longest on the entire album. For this album there’s a true sense of drama with an uneasy melody that wheezes by. ‘A quiet dream’ takes the formula for the album and reverses it: beginning with the natural before it submerges into the edited. The album ends on a sleepy note with the narcoleptic ‘Suggestions’.
Overall it is a lovely nebulous cloud of an album. This is the perfect soundtrack for a cloudy day. For though the sky is obscured there is beauty behind it. Thus the same is true for ‘Luminance’ and its dual digital/natural format.

‘Sleephonia’ 28 GENNAIO – A/V ART NIGHT @ KINODROMO http://www.kinodromo.org/

By | News

 

LUNEDÌ 28 GENNAIO – A/V ART NIGHT @ KINODROMO http://www.kinodromo.org/
Una serata dedicata all’ibridazione dello spazio cinematografico, in occasione della giornata di chiusura di Arte Fiera 2013

Ore 19.00: EL TEMPIO D’ORO, di Caucaso Factory. Installazione (Uk, Ita, Fra, 2012)

Ore 21.00: SLEEPHONIA_I suoni della città che dorme, di Alessio Ballerini e Francesco Giannico (Ita, 2012)

CAUCASO presenta: ICI C’EST L’AMERIQUE, un spectacle vivant realizè par Caucaso

Ore 22.00: LIVE CINEMA Pinochet

Ore 22.30: Go Burning Atacama Go – Express – Why we fight

ENG
Sleephonia – Sounds of the Sleeping city
Soundscapers Alessio Ballerini and Francesco Giannico have recorded sounds and took pictures of a sleeping city. A growing audiovisual alienating work , which takes us from the darkness to the awakening of the city.

ITA
Sleephonia – I suoni della città che dorme
I soundscapers Alessio Ballerini e Francesco Giannico hanno registrato i suoni e ripreso le immagini di una città addormentata. Un crescendo audiovisivo straniante, ci accompagna dal buio fino al risveglio della città.

40 min
available for performance and installation

video ALESSIO BALLERINI
sound location FRANCESCO GIANNICO
soundscaping ALESSIO BALLERINI & FRANCESCO GIANNICO

Aips-Archivio italiano paesaggi sonori
archivioitalianopaesaggisonori.it