Category

News

Sound & Communities – Workshop

By | News

A fine febbraio sarò a Roma presso la University of Fine Arts per condurre un workshop che desideravo fare da molto tempo. Di seguito l’inizio del testo di presentazione che ho scritto.

———————————————

Sound & Communities
Paesaggi Sonori e Archivi Digitali, Il Rapporto del Suono con la comunità, Creare con il Suono

Un Workshop in ecologia del suono

Seppur con fatica, soprattutto nelle grandi città, si fa sempre più strada da alcuni anni a questa parte un più denso e reiterato utilizzo della parola “suono”, legata certamente a vari contesti e non necessariamente ad ambiti specifici come la sound art e/o il sound design. Eppure questo impiego sempre più diffuso di iniziative legate a questa parola e la crescita sempre più consistente di un certo tipo di documentazione (soprattutto online) hanno finito con lo scardinare un meccanismo vecchio e stantio da un punto di vista culturale che non prevede, incredibilmente, come il suono possa giocare un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni. E se anche le teorie in sottofondo (ci riferiamo ovviamente al paesaggio sonoro di R.M.Schafer) siano relativamente datate, nel belpaese siamo sempre un po’ indietro e costretti a rincorrere tecniche e metodologie desuete. Il problema principale è il campo di applicazione: spesso lo scopo di talune esperienze, anche una volta messo su carta e documentato, non viene preso in considerazione da chi di dovere: amministratori in primis. In fondo il lavoro che viene svolto in questa disciplina riguarda, seppur a caratteri generali, la pianificazione urbana dal punto di vista del suono, beninteso non in senso strettamente tecnico, per questo aspetto ci sono gli ingegneri acustici, i tecnici, ma di certo possono essere avanzate delle proposte da chi si occupa di suono a vario titolo (sound designers, sound artist, musicisti, musicologi etc…) declinando in modo creativo ed artistico (e quindi in modo oggettivo ai più) esperienze di comunità legate al paesaggio sonoro. Parliamo di pratiche di soundwalking, strumenti partecipativi per la raccolta di dati che riguardino le considerazioni degli abitanti circa il loro rapporto con il suono circostante e naturalmente di come tutto il materiale audio, una volta raccolto possa essere rielaborato per farne un’installazione audio, audiovisiva, audio-fotografica, una performance live  etc…

 

Il Workshop

Sound & Communities è la cartina tornasole di questo tipo di ragionamento. Il progetto prevede la realizzazione di un gruppo di lavoro che si muova  seguendo le indicazioni lanciate da una call online per studiare le opinioni degli abitanti relativamente ai suoni della città, quello che viene sostanzialmente definito “ascolto attivo” ma da un punto di vista 2.0. Sarà quindi creato un portale web ad hoc che verrà monitorato dagli studenti nel corso del tempo contestualmente agli incontri frontali del workshop.

I risultati, o meglio le risposte, fornite dagli abitanti sul portale (che verrà lanciato in via preventiva prima dell’inizio del workshop) forniranno la lista degli elementi da registrare. Il gruppo di lavoro si avventurerà sostanzialmente, con registratore digitale alla mano, nella ricerca di quelle indicazioni. I risultati verranno quindi geolocalizzati e resi disponibili su una mappa web fruibile da chiunque ed i suoni rielaborati infine sotto la guida del docente in una performance collettiva collaborativa che sarà auspicabilmente aperta a quello stesso pubblico che ha fornito le indicazioni e che verrà naturalmente ringraziato sul portale web. Un altro sviluppo in termini creativi del materiale audio raccolto può essere la realizzazione di un’installazione artistica di soundart o ibridata anche da visuals e/o elementi di videoarte.

Talking Records – Paesaggi Sonori e Antropologia Visuale nelle aree mercato rionali

By | News

‘Talking Records’ ­ Workshop
Paesaggi sonori e antropologia visuale all’interno delle aree mercato rionali

a cura di Francesco Giannico e Angelo Romano
durata: 6 ore (3 ore al mattino + 3 pomeriggio + 2 ore
performance collaborativa serale)

Lo scopo del workshop è quello di rappresentare , attraverso il suono e la fotografia, una zona della propria città. Nello specifico, si prenderà come riferimento il mercato coperto di Santa Scolastica (via Giovanni XXIII) al quartiere Carrassi di Bari. La scelta del mercato rionale come luogo di studio risiede essenzialmente nel suo carattere distributivo: grazie a un ottimo rapporto qualità/prezzo per i suoi frequentatori e alla sua natura estremamente territoriale, rappresenta uno spazio dotato di forte vitalità.

Ogni partecipante, munito di registratore digitale e/o di smartphone, documenterà il paesaggio sonoro circostante durante l’attività di soundwalk (passeggiata sonora) all’interno del mercato.

Contestualmente, verrà svolto un lavoro di documentazione fotografica, il cui risultato rappresenterà il completamento per l’evento performativo serale.

LIVE PERFORMANCE SERALE
A chiusura del tutto, i partecipanti lavoreranno dal vivo i campioni audio registrati durante la giornata in un live elettroacustico supportati dalla proiezione del racconto fotografico e antropologico che si concentrerà sul sistema di relazioni di un luogo e i suoi tratti identitari.

IN BREVE
La giornata sarà così organizzata: 2 ore di incontro frontale presso la Mediateca Regionale Pugliese, successivamente 2 ore di soundwalk presso il mercato coperto di Santa Scolastica.
Nel pomeriggio, presso la stessa mediateca, verrà svolto il lavoro di editing delle tracce audio registrate in modo da estrarre materiale utile sia alla creazione di una soundtrack per il racconto fotografico (da caricare online), sia per la parte performativa serale (il materiale raccolto dai tutor verrà rielaborato in chiave elettroacustica).

A CHI SI RIVOLGE
Il Workshop è rivolto a tutti, non è necessario avere competenze specifiche sugli argomenti oggetto di discussione.

MATERIALE OCCORRENTE
Consigliato ma non obbligatorio:­ registratore digitale di qualsiasi tipo (verrà comunque messo a disposizione dal tutor), in alternativa può essere usato uno smartphone; un paio di cuffie (di qualsiasi tipo); un portatile per il lavoro di editing al pomeriggio e per poter utilizzare il software con cui verrà affrontato il live serale.

ISCRIZIONI
Il workshop prevede una quota d’iscrizione di 35 euro ed un numero massimo di 15 iscritti per un impegno giornaliero complessivo di 8 ore.

Per iscriversi è necessario compilare il form online su www.francescogiannico.com e compilare il form in tutti i suoi campi e allegare la copia in pdf o jpg del pagamento (bonifico o transazione paypal).

FINALITÀ
-Studio e analisi del territorio e delle relazioni al suo interno attraverso l’uso suono e della fotografia.
-Realizzazione di una performance live collaborativa.

PROGRAMMA DEL WORKSHOP
ore 10:00 – 12:00
incontro presso la Mediateca Regionale – incontro frontale sui seguenti argomenti:

1)Costruiamo col suono (come usare le registrazioni ambientali per fare musica);
3)Registro quello che mi piace (il suono che secondo me caratterizza un dato luogo);
3)Le passeggiate sonore (soundwalk);
4)Cosa usare per registrare: microfoni digitali e smarphone;
Come far musica insieme usando il ‘paesaggio sonoro’

ore 12:00 – 14:00
soundwalk presso il mercato coperto di Santa Scolastica

ore 14:00 – 15:00
pausa pranzo

ore 15:00 – 17:00
editing del materiale registrato presso la Mediateca Regionale
montaggio del videostill

ore 16:30 – 18:30
prove per la performance live collaborativa

ore 20:30 – 21:30
Live Performance elettroacustica

INFO SUL WORKSHOP
info@francescogiannico.com – angelo.romano76@gmail.com
www.francescogiannico.com/talking-records
349/5012612

I TUTOR
FRANCESCO GIANNICO (Taranto, 1979), musicologo, musicista elettroacustico e webdesigner. <<Un’attenzione quasi maniacale a ciò che è “paesaggio sonoro” (studiato, reinterpretato, stravolto); un lungo elenco di collaborazioni con campioni della sperimentazione italiana e mondiale (a partire da Bruno Dorella ed Amy Denio); l’attenzione e i lusinghieri riconoscimenti datigli da un gigante come Thurston Moore dei Sonic Youth”(de Robot Festival 2013 – Bologna)>>. Laureato in musicologia con una tesi in Storia della Musica per Film e successivamente specializzatosi in Design e New Media e Progettazione Culturale, nel 2010 fonda AIPS, l’archivio italiano dei paesaggi sonori con A.Ballerini con cui da vita 3 anni dopo all’etichetta indipendente Oak Editions. Ha pubblicato i suoi dischi con svariate label e collaborato con numerosi artisti come: Matteo Uggeri, Luca Mauri, Bruno Dorella, Amy Denio, Kim Cascone, Thollem McDonas, Zac Nelson, Stefan Bonitatibus , Ben Chatwin, Mary Levykina, Anna Aleksandra Waliszewska. Fabio Orsi , Alessio Ballerini, Nicola Di Croce, Giulio Aldinucci. Ha esposto e performato i suoi lavori presso: SOUNDFJORD – London with AIPS Collective (Postcards from Italy) // 90DBFESTIVAL PARCO DELL’APPIA ANTICA – ROBOT FESTIVAL presso Palazzo Re Enzo a BOLOGNA – MACRO MUSEUM in Rome (‘Sleephonia’ with A.Ballerini) // FONDAZIONE CERERE (‘Chronicles’ with A.Ballerini) // MADRID MUESTRARTE EXPOSICION
COLLECTIVA (‘Locus Solus’ project with Nicola Colonna) // MAXXI MUSEUM in Rome // RAI RADIO 3 LIVE – BATTITI// BERLIN MADAME CLAUDE // ROMA – MLAC – Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Sapienza Università, CINEPORTO Bari Apulia Film Commission. CASTELLO EPISCOPIO di Grottaglie (installazione audio/video e mappa sonora della città per il progetto mEte)

ANGELO ROMANO (Laterza, 1976), dottore di ricerca in Etnologia ed Etnoantropologia alla Sapienza Università
di Roma, si occupa di antropologia urbana, antropologia delle istituzioni e dei movimenti politici, antropologia visuale. È stato docente di Sociologia Urbana alla Facoltà di Architettura dell’Università della Basilicata, ha svolto ricerche sul campo nelle città di Mantova e Roma. Ha collaborato con l’Urban Center Metropolitano di Torino per un progetto di recupero e riutilizzo degli spazi verdi del quartiere Barriera di Milano. È autore di diversi saggi di antropologia urbana e curatore del volume Voci della città. L’interpretazione dei territori urbani
(Carocci, Roma, 2011). Nel 2006 ha fondato l’associazione culturale Anthropolis, impegnata in ricerche di antropologia urbana per conto di enti e istituzioni nazionali e internazionali.
Di recente, ha collaborato con la cooperativa Camera a Sud per il progetto “Archivio di Confine”, archivio web dei confini mobili urbani dell’area della BAT (Barletta Andria Trani) provincia; è impegnato con l’associazione Glooscap nel progetto “Album di Famiglia”, per la realizzazione di un archivio immateriale pugliese attraverso fotografie amatoriali conservate negli album di famiglia; svolge con l’associazione INUIT laboratori di autobiografia, cinema documentario e fotografia sociale rivolti a figure di marginalità sociale. Per il progetto del MIUR “A scuola di open coesione”, ha svolto lavoro di formazione agli studenti delle scuole superiori su open data, data journalism nell’ambito del dissesto idrogeologico. Scrive per il blog www.valigiablu.it.

Out Now ‘Erased’ by Francesco Giannico with Thollem Mc Donas and Amy Denio

By | News

 

Official release date: 29th November 2015

Erased is an evocative work made by Francesco Giannico electronically manipulating  unique recordings by Thollem McDonas (grand piano) and Amy Denio (vocals, saxophone, objects).

Sometimes we need to erase : let life sink in a white abyss. This is what you feel listening to the new Francesco Giannico’s sound work, Erased, a unique work that owns its birth to a collaboration between Giannico (electronica, mixing), the pianist Thollem Mc Donas, and the singer Amy Denio, who plays also saxophone and creates sounds using various objects.

In Erased, Francesco Giannico manipulates and orchestrate sounds in surrounding and sinking circles, like quicksands moving down to the endless bottoms of your very hears.

Listening to the four tracks of the album, there’s such a intensity and variety of sounds, rhythms, passing from Thollem Mc Donas’ grand piano emerging from silence, to electronic sounds, then to Amy Denio’s voice screaming loud and, somehow, making the space wider. The language of contemporary music is used to depict a wide range of feelings: rage, fear, quest for peace of mind, each feeling beig erased while another one emerges from an apparent chaos, that soon becomes sound.

Francesco Giannico, after years of field recording and experiments in music, is experiencing his own music poetics: Erased is a moving landscape, is post-modern music, updated to our violent and umpredictable century. It’s a record that every astronaut should take with him on a starship journey.

The whole record feels like running away from something secretly happening behind you,  with the constant fearful though fascinating sensation that if you’ll turn back to see, all you’ll see will be already erased.

The work is printed in very limited edition through an exclusive photobook format in 50 copies on double embossed paper.
Inside the photobook you will find some poetry excerpts from the book “Le Battaglie i Robusti No”  by Biagio Lieti

Artwork is made by minus.log – “sala d’attesa” 80×80, oil on canvas and gauze www.minuslog.it

“Erased” such as the memory that goes away, “Erased” such as the reality tries to do with us every day, “Erased” how we’ll be at the end of this trip.

www.francescogiannico.com – info@oak-editions.com

order  your copy here at www.oak-editions.com
Teaser available here: https://vimeo.com/francescogiannico/erased 
Thanks to Niki D’attoma for the press sheet

Sounds After Images – Workshop

By | News

IGP2437-800x536

SOUNDS AFTER IMAGES  Workshop in Ecologia del Suono
tenuto da Francesco Giannico

organizzato da Glooscap

TRANI 28 -29 Novembre 2015 Parco Archeologico di Santa Geffa e Pinacoteca di Palazzo Beltrani

DEADLINE: 22 Novembre, 10 posti

http://cavofest.weebly.com/workshop-sai-29-291115.html

L’associazione culturale “Glooscap – Visioni Contemporanee” presenta, nel contesto di Cavo Fest, il 28 e il 29 novembre, SOUNDS AFTER IMAGES, un workshop in Ecologia del Suono, tenuto da Francesco Giannico per soli dieci iscritti, col fine di raccontare il paesaggio sonoro del parco archeologico di Santa Geffa a Trani. Il workshop è rivolto a tutti: non è necessario in nessun modo avere competenze specifiche in ambito musicale. Sounds After Images è il proseguimento naturale del workshop di fotografia MIRABILIA, curato da Michele Cera, negli stessi luoghi.

IL WORKSHOP – DI COSA SI TRATTA
L’ after-image è il processo mnemonico che indica la persistenza dell’immagina visiva. Dopo aver documentato con la fotografia il paesaggio rurale ci si è chiesto: cosa rimane di un luogo dopo che è stato fotografato? altre immagini o nuovi suoni? Sounds After Images prova a rispondere a queste domande fornendo gli strumenti per la documentazione e rielaborazione di un paesaggio sonoro outdoor a fini artistici e di ricerca.

Attraverso il metodo della soundwalk (‘la passeggiata sonora’) gli iscritti amplieranno le capacità di analisi e di classificazione dei suoni ambientali; uniranno eventi sonori a foto, segni grafici o colori;  organizzeranno e manipoleranno il materiale registrato. Verrà poi illustrata  la mappa sonora come strumento di comprensione di un luogo, saranno esplorate  tecniche e modalità di registrazione digitale (formati audio, posizionamento, zoom H4). Ci saranno infine ascolti dedicati e si verrà introdotti alle pratiche di sound editing utili alla realizzazione dell’installazione audio-fotografica e alla performance elettroacustica finale.

E’ previsto infatti il coinvolgimento attivo da parte dei partecipanti che si esibiranno in un live collaborativo costituendo un mini-ensemble che metterà in piedi un’improvvisazione elettroacustica controllata in concomitanza dell’inaugurazione della stessa mostra fotografica nei suggestivi ambienti di Palazzo Beltrani. I materiali registrati verranno inoltre rielaborati per dar vita ad un’installazione audio che accompagnerà la mostra nei giorni a venire per tutta la sua durata.


I LUOGHI
Il workshop avrà luogo nell’area che si estende dalla zona extra-urbana “Sant’Elia” fino alla lama “Palmareto”, oggi sede di cave lapidee, e che ospita il parco archeologico di Santa Geffa a Trani, al cui interno è ubicata una chiesa ipogea dell’XI secolo e una masseria didattica. Le attività di Sounds After Images avranno come base operativa la masseria didattica Xiao Yan dove sarà possibile anche pranzare.


DOCENTE
Francesco Giannico è musicologo e musicista elettroacustico. Co-fondatore dell’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori. Usa il suono come strumento partecipativo.  www.francescogiannico.com


LIVE / INSTALLAZIONE
Alle 21.30 del 29 novembre, terminata la fase di editing del materiale raccolto, seguirà la live performance elettroacustica collaborativa attraverso un’improvvisazione controllata sotto il coordinamento del docente.

I partecipanti inoltre contribuiranno con gli stessi materiali alla realizzazione dell’installazione audio-fotografica per l’esposizione di Mirabilia, e i loro nomi confluiranno di diritto tra i credits del lavoro realizzato.


ISCRIZIONI
Entro il 22 novembre con il form online su www.francescogiannico.com/iscrizionesounds-after-images . Gli iscritti entro l’8 novembre, avranno uno sconto del 20% sul prezzo d’iscrizione. Il prezzo intero dell’iscrizione è di 100€.

INFO LOGISTICHE / SOGGIORNO

3462375911 (Enrico) | mail@glooscap.org

INFO WORKSHOP

info@francescogiannico.com  | 3462375911 (Enrico)

Hi&Low Soundscapes – Workshop

By | News

Festina Hi&Low Soundscapes (Summer sunset)

Festina Lente con il musicologo e musicista elettroacustico Francesco Giannico, fondatore di AIPS, presenta il workshop “Hi&Low” (dal paesaggio sonoro a bassa ad alta fedeltà) per il 7 settembre 2015. La partecipazione è gratuita ed i posti disponibili sono 5, gli interessati non si attardino.
What > Linee guida del workshop
Tramite la pratica delle soundwalk, il ws vuole porre al centro la trasformazione acustica che ha accompagnato e accompagna città e campagne limitrofe. Una trasformazione meno netta di un tempo eppur presente con caratteristiche inedite.
Gli iscritti apprenderanno: tecniche di registrazione digitale, concetti di soundscape composition e lavoreranno all’editing dei campioni audio raccolti e che verranno da loro utilizzati all’interno della performance live serale presso Easy Living.
Tra gli argomenti trattati:
Introduzione al paesaggio sonoro
Tecniche basiliari di registrazione digitale
Le mappe sonore
Soundwalk
Formati audio, posizionamento, lo zoom H4
Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora
Verranno messi online l’intero progetto e la relativa mappatura sonora assieme ai credits per i partecipanti.
Info ed iscrizioni: la.festina@gmail.com
Where > San Niccolò e collina limitrofa
In campagna ed in città, ossia nel rione di San Niccolò e nella collina che da piazza Poggi sale verso il piazzale e prosegue fino all’aperta campagna. Negli ultimi anni il divario percettivo tra paesaggio sonoro lo-fi ed hi-fi si è ampliato notevolmente mettendo in discussione le peculiarità stesse dei territori di riferimento. Firenze, come altre città, è andata incontro ad una banalizzazione estrema del paesaggio sonoro a differenza della campagna, che tuttavia non è rimasta esente da trasformazioni. La neo-antropizzazione delle campagne ha popolato di nuovi suoni territori generalmente molto placidi.
Guide eccezionali della soundwalk, i residenti storici del quartiere attivi nel Centro di documentazione di San Niccolò.
 
When  > 7 settembre, non a caso la Rificolona
Nessuna festa fiorentina è più intrisa del rapporto tra città e contado come quella della Rificolona.
Da tempo immemorabile, il 7 settembre sera, vigilia della nascita di Maria (e prima dell’era cristiana festa di Demetra, dea dei campi, dei raccolti e dell’agricoltura) i contadini scendevano a Firenze dalle campagne in pellegrinaggio alla SS. Annunziata, onorando nella vergine madre di Dio, la fertilità della terra insieme a ogni donna che nasce e fa nascere e ai bambini come frutti. Si avviavano prima dell’imbrunire e col sopraggiungere della notte ciascuno accendeva la sua fiaccola, candela o lucerna. Giunti in piazza passavano la notte nella chiesa e nei chiostri della SS.Annunziata, sotto i loggiati, cantando, pregando, suonando e ballando. Il giorno dopo, 8 settembre, oltre alla festa religiosa in basilica, le famiglie contadine animavano una fiera dove si vendevano le cose fatte in casa, i filati e i panni tessuti a mano, i funghi seccati sull’aia, il pane cotto nel forno a legna e gli altri prodotti dei boschi e dei poderi. In questo modo veniva onorata la campagna nel centro della città di Firenze.
I fiorentini non persero occasione per ridicolizzare i contadini: le contadine che vendevano alla Fiera venivano chiamate “Fierucolone”, cioè donne buffe senza grazia in una fiera che non valeva niente (Fierucola). Le fiaccole che scendevano dalle campagne la notte del 7 settembre venivano scimmiottate dai cittadini con lampioncini di carta a forma di gonne contadine, chiamati “Rificolone” sempre per prendere in giro i costumi delle donne di campagna che non si volevano sottomettere alle mode “coi fiocchi” della città. Questo è il senso del ritornello “Ona, ona, ona! Quant’è bella la Rificolona! La mia l’è con i fiocchi! La tua l’è coi pidocchi!” Eppure non mancavano i pidocchi fra i fiocchi della città! I contadini stettero al gioco per secoli, ribattendo con arguzia e poesie improvvisate di cui erano maestri.
Agli inizi del 1800, per un incidente in cui un cocchiere fu ucciso da uno studente la festa fu pubblicamente abolita dal Granduca per molti anni. Ma a quell’epoca iniziava l’industrializzazione e i contadini cominciavano a prendere sul serio le prese in giro dei fiorentini vergognandosi di quello che erano. Anche i cittadini divennero più caustici supponendo di poter sostituire nella loro economia i contadini con gli operai delle fabbriche e i campi vicini con quelli dei paesi lontani che producevano di più e costavano meno. Fu allora che il significato profondo della festa della Rificolona per Firenze sparì e invece di festeggiare, con la nascita di Maria, la nascita di ogni donna e la terra, i fiorentini cominciarono ad andare in giro come dei bischeri festeggiando soltanto dei lampioncini di carta.
Who > Il docente 
Francesco Giannico (Taranto 1979) è musicologo, musicista elettroacustico e webdesigner. “Un’attenzione quasi maniacale a ciò che è “paesaggio sonoro” (studiato, reinterpretato, stravolto); un lungo elenco di collaborazioni con campioni della sperimentazione italiana e mondiale (a partire da Bruno Dorella ed Amy Denio); l’attenzione e i lusinghieri riconoscimenti datigli da un gigante come Thurston Moore dei Sonic Youth”(presentazione de Robot Festival 2013 – Bologna). Laureato in musicologia presso l’Università degli Studi di Lecce con una tesi in Storia della Musica per Film e successivamente specializzatosi in Design e New Media e Progettazione Culturale. Nel 2010 fonda AIPS, l’archivio italiano dei paesaggi sonori con A.Ballerini con cui da vita 3 anni dopo all’etichetta indipendente Oak Editions.
Ha pubblicato i suoi dischi con svariate label e collaborato con numerosi artisti come: Matteo Uggeri, Luca Mauri, Bruno Dorella, Amy Denio, Kim Cascone, Thollem McDonas, Zac Nelson, Stefan Bonitatibus , Ben Chatwin, Mary Levykina, Anna Aleksandra Waliszewska. Fabio Orsi , Alessio Ballerini, Nicola Di Croce, Giulio Aldinucci.
Evento nel calendario EF2015, con il contributo del Comune di Firenze.

Subscapes – Suoni dal sottosuolo

By | News

Scadenza iscrizioni
domenica 16 agosto attraverso il form online

Concept
ll paesaggio sonoro di alcune città è caratterizzato dalla presenza di spazi sotterranei d’indicibile bellezza e suggestione come nel caso della magnifica Trani. Con il workshop intensivo ‘Subscapes’ gli iscritti tenteranno, con registratore digitale alla mano, attraverso la pratica delle soundwalks (passeggiate sonore), di documentare l’ambiente sonoro di questi luoghi realizzando una cartella di campioni audio da utilizzare all’interno di una performance dal vivo. Subscapes è un workshop full immersion di una giornata della durata di 6 ore + il live serale .

Il workshop è rivolto a tutti: non è necessario (in nessun modo) avere competenze specifiche in ambito musicale.

Gli obiettivi del workshop sono quelli di fornire strumenti di base per la ripresa, creazione e rielaborazione di un paesaggio sonoro ambientale.

Attraverso la pratica delle soundwalks, gli iscritti al workshop saranno guidati in un tour delle due aree e saranno muniti di registratore digitale con il quale campioneranno il paesaggio sonoro del territorio oggetto di studio.

Obiettivi Specifici del Workshop
1. Sviluppo delle capacità analitiche e di classificazione dei suoni dell’ambiente
2. stimolare la capacità di associare eventi sonori a segni grafici o colori;
3. stimolare la capcità di riprodurre e organizzare i suoni dell’ambiente con strumenti convenzionali e non.

Argomenti Trattati
Introduzione al paesaggio sonoro
Tecniche basiliari di registrazione digitale
Soundwalk
Formati audio, posizionamento, lo zoom H4
Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora
Soundwalk
Ascolti dedicati
Sound editing mirato alla realizzazine della performance live serale

Alle 21.30 del 21 agosto, doop gli incontri frontali e le soundwalk, seguirà la performance elettroacustica dal vivo del docente grazie all’ausilio dei materiali audio raccolti dai partecipanti

Iscrizioni
Per le iscrizioni è necessario compilare il form online su http://www.francescogiannico.com/iscrizione-subscapes/
Durante la procedura d’iscrizione verrà richiesto di allegare la copia del pagamento è pertanto consigliabile prima effettuare un bonifico su IBAN: IT97A0101079020100000001331 | Intestato a: Francesco Giannico con causale “iscrizione subscapes” e successivamente caricare la copia elettronica (pdf o altro) sul form online

Costi
Il costo del workshop è di euro 55
Agevolazioni
Chi s’iscrive entro il 5 agosto paga euro 35
Chi ha meno di 27 anni paga euro 40

INFO WORKSHOP:
349/5012612 * info@francescogiannico.com
www.francescogiannico.com * http://cavofest.weebly.com/workshop.html

Agoraphonia – Call for Sounds

By | News

I invite you to partecipate at the World Listening Day, an annual global event held on July 18 with the main purpose to celebrate the listening practices of the world and the ecology of its acoustic environments.

You can do this by this Open Call for Sounds I made with my friend Giulio Aldinucci and Dmitry Taldykin.

Every info you need is here http://www.agoraphonia.com/

 

Invisible Cities

By | News

TRIESTE SOUNDSCAPE PROJECT – WORKSHOP IN ECOLOGIA ACUSTICA
AIPS; Francesco Giannico; Alessio Ballerini; Nicola Di Croce

Il Paesaggio Sonoro è un bene culturale invisibile in continua evoluzione. Secondo Murray Schafer, i suoni dellʼambiente fin dai primordi della storia dellʼuomo non costituiscono soltanto unʼidentità culturale e sociale, ma possiedono delle valenze di natura cosmica. Partendo da questo presupposto il workshop mira alla creazione di un gruppo di lavoro che realizzerà, tramite la pratica delle “soundwalks” (passeggiate sonore) e con registratore digitale alla mano, una mappatura sonora della città, e delle “città” che essa contemporaneamente esprime. Gli iscritti al workshop saranno guidati in un tour cittadino dove, muniti di registratore digitale, campioneranno il paesaggio sonoro del territorio oggetto di studio ed impareranno ad ascoltarne i dettagli, a metterli in relazione al contesto di origine: sveleranno le trame che legano ogni suono al suo territorio fisico e culturale.

DOCENTI

Archivio Italiano Paesaggi Sonori è un collettivo nazionale di soundscapers italiani nato nel 2010 e costituitosi associazione nel dicembre 2013. Lʼintento del gruppo è quello di promuovere la cultura dei paesaggi sonori e i soundscapers italiani, performers/musicisti che si cimentano in live electronics e creano installazioni artistiche audiovisive connesse al concetto di soundscape composition. Sito web:www.archivioitalianopaesaggisonori.it

Francesco Giannico Laureato in Musicologia con una tesi in Storia della Musica per Film, specializzatosi presso l’Università di Lecce in Design e Nuovi Media e successivamente in Sound Design, è un musicista elettroacustico e videoartista. Negli ultimi anni ha focalizzato la sua attenzione sul concetto di paesaggio sonoro dando vita nel 2008 al Laboratorio di Ecologia del Suono nella città di Taranto per mezzo del quale realizza il progetto di soundscaping “Taranto Sonora”. E’ cofondatore assieme ad Alessio Ballerini del Network AIPS Archivio Italiano del Paesaggio Sonoro. Tra i suoi lavori “Urban Sounds from the Factory City” un’installazione audio/video in collaborazione con la performer Amy Denio basata sul riprocessamento dei campioni audio dell’Ilva di Taranto, il noto colosso industriale, ottenuti grazie ad un software che trasforma il codice binario di immagini jpeg prelevate da google earth in campioni audio indefiniti.

Alessio Ballerini Sound e multimedia artist, usa computer e periferiche esterne per creare suoni sperimentali ed elettroacustici, minimali e multistratificati. Esplora paesaggi reali e immaginari utilizzando field recordings, chitarra, piano e composizioni digitali, dove il suono trova la sua bellezza negli armonici ambient del substrato. Eʼ stato membro del collettivo cinematografico Postodellefragole dal 2004. Fonda nel 2010 AIPS – Archivio Italiano Paesaggi Sonori – assieme ad altri soundscapers italiani. Ha collaborato e diviso il palco con Alva Noto, Lawrence English, Oval, Retina, Enrico Coniglio, Senking, Erik Skodvin, Giuseppe Cordaro, Francesco Giannico, TU M’, Pietro Rparbelli.

Nicola di Croce è un musicista, architetto e ricercatore con base a Venezia. Il suo principale interesse di ricerca parte dal rapporto tra suono e territorio. La pratica dell’ascolto e della registrazione ambientale portano insieme ad una nuova percezione del contesto urbano e rurale, dove il linguaggio sonoro diventa un veicolo narrativo e progettuale: frammenti da rieditare come strumenti essenziali per la comprensione e la ridefinizione dello spazio circostante. Ha pubblicato diversi album acustici ed elettronici collaborando con un gran numero di musicisti, ha composto le musiche per svariati cortometraggi, installazioni e produzioni multimediali e lavorato per prestigiose istituzioni culturali come la Biennale di Venezia. È attualmente dottorando di ricerca in Pianificazione Territoriale presso lo IUAV, portando avanti una ricerca sulla cultura orale nelle aree marginali italiane. Si è laureato in architettura a Ferrara, ha collaborato in Cina con l’International Laboratory of Architecture and Urban Design (ILA&UD) e lavorato come architetto e urbanista a Roma e Berlino.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

1. Presentazione Gruppo di Lavoro
2. Introduzione al Paesaggio Sonoro
3. Tecniche basilari di registrazione digitale
4. Soundwalks
5. I Formati audio, Il posizionamento dei Microfoni , un esempio economico e popolare di registratore digitale: “Lo zoom”
6. Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora
7. Le Soundwalks
8. Ascolti dedicati, riduzionismo e sintesi del paesaggio sonoro, macrovisione dell’ascolto/ascolto d’insieme: piccoli suoni, piccoli spazi, grandi suoni, grandi spazi

A CHI E’ RIVOLTO

Il Workshop è rivolto a tutti , non è necessario avere competenze specifiche in ambito musicale, lo scopo del workshop è quello di avvicinare le persone al tema del paesaggio sonoro e nello specifico evidenziare i mutamenti in atto nella città tenendo presente che il paesaggio sonoro è un bene culturale invisibile in continuo cambiamento.

NUMERO PARTECIPANTI

10 min – 30 max

LOCATION

Trieste, Piazza Cavana, Knulp

GIORNI

2 gg; 3-4 giugno

MAGGIORI INFORMAZIONI

www.archivioitalianopaesaggisonori.it

NOTE

A seguito del workshop vi sarà la creazione di un evento performativo realizzato con la partecipazione degli iscritti utilizzando il materiale raccolto nelle soundwalk. Verrà realizzata una performance live collettiva sotto la guida del docente, verrà di fatto costituito un piccolo ensemble improvvisativo che munito di laptop e con un codicillo concordato preventivamente col docente ed i compagni di corso si esibirà in una improvvisazione “controllata”.

COSTO
80 €

MODALITA’ D’ISCRIZIONE

Le iscrizioni ai workshop a pagamento chiudono il 18 maggio.
Per iscriversi è necessario effettuare un bonifico bancario versando l’intera quota del workshop. Successivamente inviare una mail a info@invisiblecities.eu indicando: nome, cognome, titolo del workshop e allegare copia del bonifico bancario.

ASSOCIAZIONE QUARANTASETTEZEROQUATTRO
Unicredit Banca, Agenzia Gorizia Corso Italia
IBAN: IT 86 V 02008 12400 000101174360
OGGETTO: Quota workshop Invisible Cities

locandina vibrations workshop follonica

Vibrations

By | News

VIBRATIONS – IL PAESAGGIO SONORO SULLA STRADA DEL FERRO – WORKSHOP + LIVE

MAX 20 POSTI

SCADENZA ISCRIZIONI 25 MAGGIO

SCONTI PER CHI S’ISCRIVE ENTRO APRILE

dal 5 al 7 Giugno 2015- in collaborazione con Comune di Follonica, Associazione RealGiallu. Istituzione Comunale Es, Associazione BACO.

Docente: Francesco Giannico
www.francescogiannico.com

Partendo dalla storia del Parco Archeologico di Baratti-Populonia e dell’area dell’Ex-Ilva a Follonica, il workshop in ecologia acustica ha come finalità un lavoro di mappatura sonora al loro interno.

Attraverso la pratica delle soundwalks, gli iscritti al workshop saranno guidati in un tour delle due aree e saranno muniti di registratore digitale con il quale campioneranno il paesaggio sonoro del territorio oggetto di studio. Tramite l’utilizzo di microfoni a contatto, verranno inoltre studiate le vibrazioni di questi luoghi “ferrosi”. Il workshop è rivolto a tutti: non è necessario (in nessun modo) avere competenze specifiche in ambito musicale. Lo scopo del workshop è quello di avvicinare le persone al tema del paesaggio sonoro e nello specifico riscoprire un’attività lavorativa che ha permesso a Populonia prima e Follonica dopo di crescere e svilupparsi.

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

OBIETTIVI SPECIFICI DEL WORKSHOP

1. Sviluppo delle capacità analitiche e di classificazione dei suoni dell’ambiente in termini ritmici, melodici, timbrici, di altezza, intensità e dinamici (suoni “fermi” o suoni “in movimento”, suoni in ambienti chiusi);

2. stimolare la capacità di associare eventi sonori a segni grafici o colori;

3. stimolare la capcità di riprodurre e organizzare i suoni dell’ambiente con strumenti convenzionali e non.

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

FINALITÀ

1. Promozione e valorizzazione del territorio

2. realizzazione – attraverso il portale www.archivioitalianopaesaggisonori.it– di una mappa sonora di comunità fruibile online.

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

PROGRAMMA DEL WORKSHOP

Primo giorno (mattina)
• presentazione Gruppo di Lavoro
• Introduzione al paesaggio sonoro
• tecniche basiliari di registrazione digitale

Primo giorno (pomeriggio)
• Soundwalk a Populonia

Secondo Giorno (mattina)
• Formati audio, posizionamento, lo zoom H4
• Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora

Secondo Giorno (pomeriggio)
• soundwalk nell’area ex-Ilva a Follonica

Terzo Giorno
• ascolti dedicati. riduzionismo e sintesi del paesaggio sonoro, macrovisione dell’ascolto/ascolto di insieme: piccoli suoni, piccoli spazi, grandi suoni, grandi spazi.

LIVE nel giardino del Casello Idraulico a Follonica (verrà realizzata una performance live collettiva sotto la guida del docente). Verrà di fatto costituito un piccolo ensemble improvvisativo: gli studenti, muniti di laptop e con un codicillo concordato preventivamente col docente e gli iscritti, si esibiranno in una improvvisazione “controllata”.

Il workshop si svolgerà nei giorni 5-6-7 Giugno 2015. Le lezioni si terranno ogni giorno dalle ore 11:30 alle 13:30 e dalle 15:00 alle 17:00.

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

COME ISCRIVERSI
L’iscrizione avviene unicamente online attraverso l’apposito modulo d’iscrizione e che trovate a questo indirizzo:

http://www.archivioitalianopaesaggisonori.it/archivio/webform/iscrizione-vibrations-la-strada-del-ferro

Il termine ultimo è il 25 Maggio (salvo proroghe). Il workshop è aperto a tutti sino ad esaurimento dei posti disponibili (15) e previo il pagamento di una quota di euro 120 per ciascun iscritto (ad eccezione di tutti quei casi rientranti nella casistica delle “agevolazioni” indicata nel paragrafo sottostante). Per l’iscrizione è necessario, oltre a compilare il form sottostante con i propri dati, allegare una copia del pagamento riportante l’anticipo di euro 50 ed un proprio documento d’identità. Il saldo + eventuale sconto verrà formalizzato in sede il primo giorno di workshop.
Il Workshop è tenuto da Francesco Giannico, musicologo, musicista elettroacustico e videoartista coofondatore di Archivio Italiano Paesaggi Sonori, Oak Editions, AudioPath.

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

AGEVOLAZIONI:
Gli sconti possibili sono:

1) Del 30% per chi s’iscrive entro il 30 Aprile (farà fede la data di arrivo del modulo)
2) Del 20% per gli under 30 (farà fede il documento di riconoscimento)
3) Del 15% per chi s’iscrive in coppia (indicando nella causale del bonifico la dicitura: ” SCONTO COPPIA – ISCRIZIONE VIBRATIONS + NOME ISCRITTO + NOME AMICO ISCRITTO”

N.B.Gli sconti non sono cumulabili

N.B. Gli iscritti al workshop a cura di Cristiano Bocci “I Colori della Musica Elettronica” possono frequentare gratuitamente “Vibrations-La Strada del Ferro”

*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/*—/

PER INFORMAZIONI

Francesco Giannico: 3495012612 – info@francescogiannico.com |www.francescogiannico.com

Cristiano Bocci: 3332167046 – info@cristianobocci.com |www.cristianobocci.com

METROPHONY - A Soundscape journey in the subway of Rome

Metrophony

By | a/v Installations, News

On August 6, 2013, I’ve recorded the entire route of the “B” line of the subway in the city of Rome, that connects the “Rebibbia” station with the “Laurentina” station, and the “B1” line that connects the ‘Bologna’ station with the ‘Conca D ‘Oro’ station… Audio samples collected were manipulated and transformed electronically, and enriched with synth and/or musical instruments such as guitars, piano, violins. The result is “Metrophony”, which is also an art installation.

Main idea is that the metro trip represents a dinamic soundscape in conflict with a static soundscape boxed in itself with a lot of samples already listened in a circular way like the mechanical sounds, doors of the train, train brakes and so on.

In the general path of the train and in the long to medium term we can understand how actually even the so-called dynamic soundscape is in fact a static soundscape because every passing day it becomes more akin to himself.

Metrophony has been released on late october 2014 for Time Released Sounds

http://timereleasedsound.com/shop/releases/francesco-giannico-metrophony-standard-version/

TRS047 is an atmospheric and underground metro centric release from Italian sound artist, Francesco Giannico, entitled “Metrophony”. On August 6, 2013, Giannico recorded the entire route of the “B” line of the subway in the city of Rome, that connects the “Rebibbia” station with the “Laurentina” station, and the “B1” line that connects the ‘Bologna’ station with the ‘Conca D ‘Oro’ station… Audio samples collected were manipulated and transformed electronically, and enriched with synth and/or musical instruments such as guitars, piano, violins. The result is “Metrophony” which is also an art installation.

For the deluxe limited version, in an edition of just 75 copies, we decided to change mediums and worked in the neighboring Berkeley silkscreening workshop called the Grease Diner. The set of hand silkscreened 6” square prints are renditions of the dark and moody photographs taken by Giannico himself in the subway. Each of these 12 unique prints is printed on a different sort of paper… ancient ledger papers, music sheets, rice papers, antique vellum, cardboard etc. They come in a vintage, hand stamped, 7” 45rpm sleeve from a 60 year old vinyl binder. Each outer envelope is then tied up with a string, from which hangs a used ticket from the Rome metro system. Also included within the set of prints is a scrap of paper detritus from the stations and trains, and a factory pressed CD in a hand stamped cotton sleeve.

 

Metrophony – excerpt – Time Released Sound from Francesco Giannico on Vimeo.

Human Scapes Festival

By | News

Very excited for this, I will perform in this amazing festival on September, save the date.

more info:

Human Scapes Festival, Bari and Lecce, from 21st to 27th September.

http://humanscapes.oak-editions.com/

HumanScapes is a festival that combines musical and visual experimentation through the realisation of two dedicated events taking place at the Cineporto of Bari and Lecce. Both ventures draw inspiration from the “Transtv” audiovisual fund, developed through the project “Oggetti Smarriti”, consisting of about 50 hours of amateur and home videos shot in 8mm, Super8 and 16
mm over a time span going back to the 40s up to the 80s. A precious heritage of exceptional value we intended to promote and revisit through the artistic contribution of some of the most engaging talents in the Italian electronic music scene.
HumanScapes was realized thanks to Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori and the art label Oak Editions as well as with the support of Apulia Film Commission and Regione Puglia.

One Minute Soundscapes

By | News

My contribute for the World Listening Day is an audio track into the “One Minute Soundscapes” project.

a very special work in free download this18th July 2014 for the World Listening Day.

OMS is a glocal music project based on the re-work by 4 artists Alessio Ballerini, Giulio Aldinucci, Nicola Di Croce, Francesco Giannico of the samples collected during the last “Matera Soundscape Project”  by Giannico and Di Croce, an acoustic ecology workshop in the amazing city of Matera in South Italy by Giannico and Di Croce. One Minute Soundscape was born to celebrate according to the other listening practices during the World Listening Day on July 18 because it is the birthday of Canadian writer, educator, philosopher, visual artist, and composer R. Murray Schafer.

More Details and above all the tracks in free download here

 

Unknown Tone Records | Litania

By | News

Litania  | Compact Disc (CD)
Compact Disc // including 2 Double-sided 6 panel inserts. Featuring the stunning photography of Francesco Giannico // also includes credits printed on vellum // 100 limited edition copies shipping worldwide.

Includes immediate download of 9-track album in the high-quality format of your choice (MP3, FLAC, and more), plus unlimited streaming via the free Bandcamp app.
ships out within 5 days
edition of 100

credits

releases 30 June 2014
All music composed by Francesco Giannico

for my son and my father – thanks E.M.Photography by Francesco Giannico

Coffee Stains on Vellum – Jeff Hogue
Layout and Design – Mark Kuykendall

Italian Resonances | Dronegazers?

By | News

Oak Editions will release “Dronegazers” on 20th June.
One track is mine ; if you like drones, so maybe you could be interested to pre-order the full release below
#drone #noise #ambient #soundscape #resonances #dronegazers

Press Sheet…

THE ALBUM WILL BE SENT AFTER THE OFFICIAL RELEASE DATE – 29TH JUNE 2014

A new great work will be released by Oak Editions on 29th June.
The title of the work is “Italian Resonances | Dronegazers?”. It is an eight tracks album made by a seven artists collective composed by electroacoustic ambient musicians with a particular bent for drone music. Work has been commisioned by Fabrizio Garau from “TheNewNoise.it” , an italian webzine focused above all about alternative, experimental music.
\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\
The artists involved in the work are : Enrico Coniglio,Alberto Boccardi, Easychord,Attilio Novellino,Cristiano Deison,Giulio Aldinucci,Francesco Giannico.
Remember we’re talking about a 100 copies album, so a limited edition in digifile format that you can already pre-order at oak-editions.com
\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

read more